Se questo sito ti è utile fai una donazione!

I Forum di Cubase.it, il sito italiano su Cubase, Audio, MIDI e Home Recording


Post New Topic  Post A Reply
Profilo Personale | Registrazione | Cerca nel Forum | Faq del Forum | Pagina Principale
  next oldest topic   next newest topic
» I Forum di Cubase.it, il sito italiano su Cubase, Audio, MIDI e Home Recording   » Il Resto   » La Stanza di Cubase.it   » Logic, pro tools, cubase e il loro suono? (Page 3)

 - UBBFriend: Spedisci questo topic ad un amico  
This topic is comprised of pages: 1  2  3  4  5  6  ...  14  15  16 
 
Autore Topic: Logic, pro tools, cubase e il loro suono?
lupino
Member
Member # 1368

 - posted 28. Maggio 2011 20:48      Profile for lupino   Email lupino         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Originally posted by chicco86:
Ma in campo nativo si resta ad un'elaborazione a 32 bit a virgola mobile che suona in poche parole come una chiavica... e ad ogni play avremo un suono sempre diverso e instabile...

diverso e instabile ?
ma sicuro sicuro sicuro??



Messaggi: 4903 | Data Registrazione: Set 2002  |  IP: Logged
cj
Administrator
Member # 236

 - posted 29. Maggio 2011 08:42      Profile for cj   Email cj         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
eh infatti, domando anch'io: sicuro di quello che dici? Tecnicamente mi sembra una cosa non proprio esatta.
Messaggi: 12792 | Data Registrazione: Mar 2001  |  IP: Logged
Red-one
Member
Member # 4637

 - posted 29. Maggio 2011 10:07      Profile for Red-one   Email Red-one         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Mi permetto di spendere due parole su Protools,
nel 2007 ho acquistato un LE 7 con Digi002R, lo sò che il sistema non è assolutissimamente paragonabile ai sistemi HD, ma, secondo il mio punto di vista , quindi di uno che produce e non mixa, il software anche nella suona ultima versione ha una gestione midi davvero molto distante da un Cubase o un Logic, mi peremtto di dire che è quasi inutilizzabile altro che veloce ed intuitiva [Frown] . Per tutto ciò che concerne il discorso sulla stabilità e qualità del segnale Play to Play sono rimasto un pò perplesso, ma, non conoscendo bene Protools non mi permetto di entrare in merito ne di giudicare il discorso. Ti posso dire però che ho sentito dei lavori nati, registrati e missati su latri sistemi come Cubase o Logic che suonano davvero senza complessi d'inferiorità rispetto a Protools, spendendo un ventesimo di quanto richiesto per un sistema HD.

Messaggi: 1284 | Data Registrazione: Nov 2004  |  IP: Logged
chicco86
Member
Member # 3993

 - posted 29. Maggio 2011 15:21      Profile for chicco86           Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Tutto quello che tu installi sul tuo pc windows o mac che sia e che gira internamente al processore del pc è un sistema che utilizza lo standard IEEE 754r che è il sistema di approssimazione dei bit: http://it.wikipedia.org/wiki/IEEE_754

Questo rende FISICAMENTE il play sempre differente... è chiaro... l'orecchio umano non ne risente ma l'elaborazione del segnale all'interno della DAW è sempre differente play dopo play. mentre ripeto... su un sistema HD hai un sistema di processamento separato all'interno dei CORE delle schede protools che metti nel tuo pc e questo processamento è sempre fisso a 48 bit senza approssimazione.

Per quanto riguarda invece il midi editor... personalemnte non lo cambierei con nessun altro midi editor quello attuale di protools e le funzioni in campo midi attualmente disponibili nel 9 sono veramente uniche e potenti.
Ammetto che nella versione 7 in particolare la 7 e la 7.1 era ancora allo stato embrionale ma NON INUTILIZZABILE... posso però assicurare che a partire dalla 7.4 arrivando alla 8 e alla 9 di adesso anche questa parte ha fatto passi da gigante e proprio l'altro giorno ho mappato una batteria di un pezzo che mixerò domani in pochissimi minuti.

Ripeto quanto detto prima... basta entrare nella sua logica... una volta entrati è difficile uscirne se ne capisci i vantaggi.

Messaggi: 489 | Data Registrazione: Lug 2004  |  IP: Logged
lupino
Member
Member # 1368

 - posted 29. Maggio 2011 16:40      Profile for lupino   Email lupino         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Originally posted by chicco86:
Tutto quello che tu installi sul tuo pc windows o mac che sia e che gira internamente al processore del pc è un sistema che utilizza lo standard IEEE 754r che è il sistema di approssimazione dei bit: http://it.wikipedia.org/wiki/IEEE_754

Questo rende FISICAMENTE il play sempre differente



ti chiedo di avere un po' di pazienza con me ma non ho capito in quale punto della pagina wikipedia che hai linkato viene spiegato che il play è, di volta in volta, differente.

puoi indicarmelo?

grazie.

Messaggi: 4903 | Data Registrazione: Set 2002  |  IP: Logged
Red-one
Member
Member # 4637

 - posted 30. Maggio 2011 08:36      Profile for Red-one   Email Red-one         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Non sono così tecnico e acculturato informaticamente per sapere cosa si "scatena" pigiando semplicemente sul tasto Play, rimango nel beneficio del dubbio in quanto se così fosse tutti gli studi che non utilizzano Protools sbaglierebbero a priori, e come detto in qualche post precedente ho sentito lavori svolti con altri sistemi reggere tranquillamente il paragone. Vedo più che altro la sensata scelta di un sistema come Protools HD per mantenere leggero il lavoro della CPU del computer, appoggiando così i Virtual Instruments e relativi plug-in su un motore esterno, riuscendo così a lavorare in tranquillità e stabilità su progetti molto articolati.
Messaggi: 1284 | Data Registrazione: Nov 2004  |  IP: Logged
yasodanandana
Member
Member # 1424

 - posted 30. Maggio 2011 09:16      Profile for yasodanandana   Email yasodanandana         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Originally posted by chicco86:

Protools in questo senso, una volta capita la logica che utilizza è veramente semplice e veloce da usare

io l'ho sempre trovato un po' rudimentale.. nel senso che se uno arriva in studio con tracce gia' fatte e le carica su protools, ok.. Allo stesso modo e' ok se uno registra un gruppo che suona un brano gia' compiuto senza esigenza di strutturare sul software. Ma se uno deve comporre, per me cubase, ableton live e logic sono mille anni luce avanti..

quote:
Originally posted by chicco86:
ma i dischi si fanno in protools HD

non concordo.. i dischi, con la miseria che gira, si fanno a casa con i soliti cubase, logic ecc. ecc., poi, se a qualcuno capita di andare a finire il lavoro in uno studio, puo' darsi che le tracce siano singolarmente passate su protools per favorire il fonico che non sa usare altro o quasi...

questa e' la mia esperienza...

Messaggi: 29459 | Data Registrazione: Ott 2002  |  IP: Logged
chicco86
Member
Member # 3993

 - posted 30. Maggio 2011 12:13      Profile for chicco86           Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Allora andiamo con ordine... in wikipedia non ti spiega come lavora il protocollo su un singolo programma (in questo caso un sequencer nativo che può essere cubase, logic o lo stesso protools LE, ecc...) ma ti spiega come funziona l'approssimazione e ti fa capire che buona parte dell'elaborazione viene ottimizzata in tempo reale in base al carico.

I bit elaborati quindi avranno sempre un'approssimazione diversa di volta in volta anche influenzati da tutte le applicazioni ed i processi che stanno al di fuori del sequencer in ambiente nativo... mentre quello che volevo dire riguardo l'HD è che ha 48 bit fissi fisici sui suoi dsp dedicati esclusivamente all'elaborzione del suo segnale. Quei bit sono sempre gli stessi e non cambiano in qualsiasi sistema HD questo vuoldire che il play sarà sempre uguale.
Certo... l'orecchio umano non sente queste differenze fortunamente ma a livello TEORICO questa soluzione è sicuramente vantaggiosa!

Per quanto riguarda l'utilità e la comodità dei plug ins su un sistema esterno concordo in pieno anche perchè la tecnologia TDM è molto sofisticata e offre grande qualità, l'unica cosa è che non bisogna pensare che puoi aprire chissa quanti plugins... in un HD1 per esempio difficilmente mixi una band rock con tastiere, 2 chitarre, un basso, una batteria e diverse voci... serve almeno un HD2 se non un HD3 (lo standard di molti studi di produzione musicale). Proprio per i motivi scrtti sopra... protools da (a differenza dei programmi nativi) dei limiti fisici per non degradare la qualità delle tracce mixate al suo interno.

Per quanto riguarda l'usabilità protools è molto selettivo ma di rudimentale non ha proprio niente... anzi, è preciso, anche troppo e allo stesso tempo flessibile... basta imparare la sua logica e i suoi shortcuts (base fondamentale per utilizzarlo! Senza la conoscenza di qualche shortcuts base diventa un muro insuperabile protools).

Per quanto riguarda la produzione di dischi è vero che c'è una grande crisi ma forse le case discografiche dovrebbero anche interrogarsi sulla qualità dei prodotti che stanno uscendo da qualche anno a questa parte.
Con il digitale la discografia è morta e i dischi suonano tutti uguali... chi scarica non pagando il cd scarica mp3 a 128kb ed è abituato a sentire quella "non musica" di "non qualità"... è chiaro che si mixa in cubase o in logic a questo punto se poi tanto si ascolta tutto da un iPod...

Chi invece vende i dischi (e non in base alla distribuzione come nei casi di lady gaga e co.) ma in base alla reale vendita, li vende a un pubblico di nicchia disposto a pagare un cd originale e che pretende qualità da quell'ascolto.

In questo caso, nonostante il periodo, chi fa i dischi sceglie uno studio per l'acustica, un altro studio per quei determinati outboards, l'altro ancora per quel determinato banco... e dietro a una ricerca del genere non si possono trascurare microfoni, ambienti, preamplificatori, banco, protools e tutto quello che sta dietro a un disco di qualità.

Questi sono i DISCHI.

Se poi si parla di EP e demo è un altro discorso.
Anche la grande distribuzione e le grandi major... avendo i soldi si affidano a studi e fonici competenti che usano protools no perchè non sappiano usare altro ma per le infinite potenzialità e la qualità che offre.

In ogni caso questi sono motivi OGGETTIVI... rimane soggettivo l'amore per un determinato sequencer e anche io amo cubase in quanto mio primo sequencer e continuo tutt'ora per i fatti miei ad usarlo... ma quando sei pagato da terzi contano la velocità, la stabilità, la compatibilità e la professionalità OGGETTIVA, non soggettiva... è per questo che ho elencato i vantaggi di protools cercando di spiegarne il perchè è lo STANDARD di ogni situazione professionale o di qualità.

Messaggi: 489 | Data Registrazione: Lug 2004  |  IP: Logged
yasodanandana
Member
Member # 1424

 - posted 30. Maggio 2011 12:44      Profile for yasodanandana   Email yasodanandana         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
===ma di rudimentale non ha proprio niente===
forse ho usato un termine poco comprensibile.. rudimentale vuol dire che protools e', in certi ambiti, molto povero di opzioni e strumenti che, invece, in programmi come cubase o logic abbondano. Parlando soprattutto sia del midi che del taglio raffinato degli spezzoni audio a fini compositivi..

per il resto, sul suono, continuo a non seguirti, soprattutto nell'attribuire al software "protools" una qualita' di per se superiore che potrai "speculare" teoricamente, ma che ad orecchio non si sente ..

===cercando di spiegarne il perchè è lo STANDARD==
cosa che per me, invece, non hai spiegato.. protools e' uno standard ancora oggi perche' per un certo periodo ha praticamente monopolizzato il settore dell'hard disk recording.. oggi nel "settore" viene ancora ampiamente utilizzato perche' i fonici si sono formati su quello e non intendono, anche comprensibilmente, imparare ad usare altri sistemi..

Messaggi: 29459 | Data Registrazione: Ott 2002  |  IP: Logged
LucaCubase
Member
Member # 10543

 - posted 30. Maggio 2011 12:54      Profile for LucaCubase   Email LucaCubase         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Originally posted by yasodanandana:
protools e' uno standard ancora oggi perche' per un certo periodo ha praticamente monopolizzato il settore dell'hard disk recording.. oggi nel "settore" viene ancora ampiamente utilizzato perche' i fonici si sono formati su quello e non intendono, anche comprensibilmente, imparare ad usare altri sistemi..

E anche perché tutti gli studi hanno da "secoli" protools hd magari insieme a un icon...e i clienti si sono abituati anche solo visivamente a quello come sistema unico professionale.
Messaggi: 479 | Data Registrazione: Gen 2008  |  IP: Logged
chicco86
Member
Member # 3993

 - posted 30. Maggio 2011 12:54      Profile for chicco86           Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Vabbè questa tue è un'ipotesi... in ogni caso non ho detto che non si senta la qualità di protools ad orecchio ho detto che non senti la differenza di elaborazione bit che invece nella teoria dovrebbe essere migliore se fissa a 48 bit piuttosto che mobile a 32.
Detto questo quindi la differenza non sta su protools o cubase o logic o sonar o... ma sta sul nativo o l'HD.
E' questione di profondità sonora... l'HD offre con il suo sistema 288 bit di range dinamico... sfido qualsiasi sistema nativo ad avere un range di quel livello.
Inoltre protools impone limiti perchè un hardware...non è 0 e 1 digitali che suonano "in scatola" ma è segnale puro che gira nelle sue interfaccie e quando girano 0 e 1 all'interno dei suoi bus questi sono ben proporzionati dal suo hardware fisico all'interno dei core che metti nel computer.

Per quanto riguarda poi la precisione non posso convincerti che è preciso al sample se sostieni quello che hai detto quindi non mi esrpimerò ulteriormente.

E ripeto.. quanto detto sopra... ci sono standard e ci sono sentimenti... sentimentalmente anche io sono stra-affezionato a cubase ma quando senti il suono sommato in digitale dentro cubase e qunado lo senti in HD in studio sono 2 cose diverse completamente diverse.

Se avessi un HD in casa disinstallerei cubase!!!

Messaggi: 489 | Data Registrazione: Lug 2004  |  IP: Logged
LucaCubase
Member
Member # 10543

 - posted 30. Maggio 2011 12:57      Profile for LucaCubase   Email LucaCubase         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Originally posted by chicco86:

Inoltre protools impone limiti perchè un hardware...non è 0 e 1 digitali che suonano "in scatola" ma è segnale puro che gira nelle sue interfaccie e quando girano 0 e 1 all'interno dei suoi bus questi sono ben proporzionati dal suo hardware fisico all'interno dei core che metti nel computer.

Non ho capito questo passaggio [Confused]
Messaggi: 479 | Data Registrazione: Gen 2008  |  IP: Logged
lupino
Member
Member # 1368

 - posted 30. Maggio 2011 13:04      Profile for lupino   Email lupino         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Originally posted by chicco86:
Allora andiamo con ordine... in wikipedia non ti spiega come lavora il protocollo su un singolo programma (in questo caso un sequencer nativo che può essere cubase, logic o lo stesso protools LE, ecc...) ma ti spiega come funziona l'approssimazione e ti fa capire che buona parte dell'elaborazione viene ottimizzata in tempo reale in base al carico.

ho riletto più volte il brano ma non mi pare che venga affermato da nessuna parte che l'elaborazione venga ottimizzata in tempo reale in base al carico.
ma anche se tale cosa fosse stata scritta questo non implicherebbe che venga "cambiata l'approssimazione".
elaborazione ed approssimazione sono due cose diverse.

I bit elaborati quindi avranno sempre un'approssimazione diversa di volta in volta anche influenzati da tutte le applicazioni ed i processi che stanno al di fuori del sequencer in ambiente nativo

i bit non "hanno" una approssimazione.
è più corretto dire che "determinano" l'approssimazione con cui si rappresenta un numero.
è il loro numero ed il loro uso (il tipo di precisione) che determina in maniera "definitiva" l'approssimazione con cui si rappresenta ciascun numero.
una volta che si hanno x bit e si decide di usare una rappresentazione piuttosto che un'altra i giochi sono fatti.
ogni numero verrà "sempre" rappresentato allo stesso modo.

mentre quello che volevo dire riguardo l'HD è che ha 48 bit fissi fisici sui suoi dsp dedicati esclusivamente all'elaborzione del suo segnale. Quei bit sono sempre gli stessi e non cambiano in qualsiasi sistema HD questo vuoldire che il play sarà sempre uguale.

Anche nei sistemi nativi i 32 bit sono sempre 32 bit (mica possono espandersi o contrarsi... si tratta di celle di memoria fisica).
ed è proprio per questo che mi sembra inverosimile che ad ogni play si possa avere una approssimazione differente.


non è che ti sei lasciato ingannare dal concetto di "virgola mobile" attribuendogli un significato differente da quello che ha?
Messaggi: 4903 | Data Registrazione: Set 2002  |  IP: Logged
yasodanandana
Member
Member # 1424

 - posted 30. Maggio 2011 13:06      Profile for yasodanandana   Email yasodanandana         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Originally posted by chicco86:

Detto questo quindi la differenza non sta su protools o cubase o logic o sonar o... ma sta sul nativo o l'HD.

ecco.. questo, anche se non e' detto che concordi, e' da parte tua meglio sostenibile.. non si tratta del software ma dell'interfaccia audio..

quote:
Originally posted by chicco86:
ci sono standard e ci sono sentimenti...

certo, se uno deve lavorare in uno studio di registrazione come fonico, e' meglio che protools lo sappia usare..

ma la musica non e' solo quello... esiste per esempio il punto di vista di chi la musica la fa e la produce, e questa categoria di persone, in genere, usa piu' volentieri gli altri software dei quali abbiamo parlato..

poi, prima di andare nello studione VIP dove usano protools, passa mezz'ora a fare il bounce delle tracce singole, si segna il BPM, e risolve...

Messaggi: 29459 | Data Registrazione: Ott 2002  |  IP: Logged
lupino
Member
Member # 1368

 - posted 30. Maggio 2011 13:18      Profile for lupino   Email lupino         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Originally posted by chicco86:
non senti la differenza di elaborazione bit che invece nella teoria dovrebbe essere migliore se fissa a 48 bit piuttosto che mobile a 32.

nel riferimento wikipedia che hai linkato si parla delle rappresentazioni che possono essere usate su sitemi informatici a 32 bit.
già su tali sistemi solo la rappresentazione a precisione singola è inferiore a quella di protools (32 bit contro 48 bit).
le altre sono tutte superiori (precisione singola estesa: più di 43 bit; doppia precisione: 64 bit; doppia estesa: 80 bit; quadrupla precisione: 128 bit)

se poi pensiamo che attualmente i computer vengono prodotti a 64 bit si può intuire che un sistema nativo si può "abbassare" alla approssimazione di PT solo facendo girare il software in modalità "emulazione 32 bit".



Messaggi: 4903 | Data Registrazione: Set 2002  |  IP: Logged


Fuso Orario: CET
This topic is comprised of pages: 1  2  3  4  5  6  ...  14  15  16 
 
Post New Topic  Post A Reply Chiudi Topic    Sposta Topic    Delete Topic next oldest topic   next newest topic
 - Versione stampabile di questo topic
Hop To:

Contattaci | www.cubase.it | Cubase.it e la Privacy

© 2000 - 2021. Il materiale di questo forum e del sito è di proprietà di chi scrive. Nel caso vogliate citare del contenuto, indicatene sempre la fonte.

Powered by Infopop
UBB.classicTM 6.3.1.2

Se questo sito ti è utile fai una donazione!