Se questo sito ti è utile fai una donazione!
Tutti i contributi andranno a coprire i costi per il mantenimento del sito e del forum.
Un grosso grazie a chi vorrà supportarci.
I Forum di Cubase.it, il sito italiano su Cubase, Audio, MIDI e Home Recording


Post New Topic  Post A Reply
Profilo Personale | Registrazione | Cerca nel Forum | Faq del Forum | Pagina Principale
  next oldest topic   next newest topic
» I Forum di Cubase.it, il sito italiano su Cubase, Audio, MIDI e Home Recording   » Il Resto   » La Stanza di Cubase.it   » Esistono Regole per Scrivere un Brano? (Page 2)

 - UBBFriend: Spedisci questo topic ad un amico  
This topic is comprised of pages: 1  2  3  4  5  ...  8  9  10 
 
Autore Topic: Esistono Regole per Scrivere un Brano?
maudoc
Member
Member # 3815

 - posted 29. Giugno 2016 11:00      Profile for maudoc   Email maudoc         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Da piccolo solo pizza patatine e salsicce....ora mi gustano anche lumache, rane, formaggi che camminano e mangio chili di verdure. Ho fatto un percorso, ho allargato i miei orizzonti, tutto a mio favore direi. Non me la sento assolutamente di antepormi a chi è rimasto a pizza patatine e salsicce. Penso però che un minimo comune senso del brutto e del bello acquisti o innati e generalmente diffusi (giammai universali) ci siano. Da lì un minimo di regole si dovrebbero rispettare poi così è se vi pare.Credo che la musica vada amata senza classismi di matrice snob☺
Messaggi: 4117 | Data Registrazione: Giu 2004  |  IP: Logged
cubaser
Member
Member # 5766

 - posted 29. Giugno 2016 11:06      Profile for cubaser   Email cubaser         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
qualcuno ha parlato di salsicce? [Big Grin]
Messaggi: 17863 | Data Registrazione: Giu 2005  |  IP: Logged
Christian Lista
Member
Member # 11305

 - posted 29. Giugno 2016 15:29      Profile for Christian Lista   Email Christian Lista         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Come si suonano?
Messaggi: 2586 | Data Registrazione: Lug 2008  |  IP: Logged
frankvenice
Member
Member # 13824

 - posted 29. Giugno 2016 16:25      Profile for frankvenice   Email frankvenice         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
la deriva salsiccera fa naufragare il thread.

Jannacci cantava: "perchè ci vuole orecchio".

Io non considero molto la musica straniera. Però riconosco che probabilmente per tanti fa figo ascoltare solo quella. e poi si abituano e dimenticano la sana melodia italiana. quella che il mondo ci ha sempre invidiato.

Poi i distinguo su singoli autori ci possono anche stare.

non ne usciremo mai da questo discorso, credo.

Così come credo che fra cento e più anni io non ci sarò e non me ne frega un tubo di che ascolteranno, penso a cosa ascoltiamo ora, e a quanto c'era prima magari da tener vivo.

I posteri faranno altrettanto.

La coerenza di ascolto del nostro orecchio però va rispettata. E per stavolgere regole, bisogna conoscerle molto bene.

Altrimenti è solo un esercizio randomico di note a caso, magari a qualcuno piace.

Capita di avere buone idee, ma a non saperle tradurre poi in concreto, occorre l'interprete che le estragga e le rimetta in ordine.

qualcuno pensa che fiasco rossi scriva musica? o magari ci sono dei musicisti che attorno al suo. : " ehhhh... che senso non ce l'ha...." detto in un avinazzato momento triste, costruiscono una canzone riempistadi?

suvvia.....

Messaggi: 3901 | Data Registrazione: Lug 2010  |  IP: Logged
maninblack
Junior Member
Member # 15660

 - posted 29. Giugno 2016 17:00      Profile for maninblack           Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Io non considero molto la musica straniera. Però riconosco che probabilmente per tanti fa figo ascoltare solo quella. e poi si abituano e dimenticano la sana melodia italiana. quella che il mondo ci ha sempre invidiato.
però non bisogna dimenticare che ci sono anche quelli che ascoltano musica "straniera" da sempre, poi secondo me distinguere la musica in base ad una nazionalità non ha senso.
é un dato di fatto che comunque in posti come in UK ed anche negli USA la tradizione e la cultura musicale sia ben sopra la media di molti altri paesi.

Messaggi: 100 | Data Registrazione: Gen 2013  |  IP: Logged
maurix
Moderator
Member # 2135

 - posted 29. Giugno 2016 20:32      Profile for maurix   Email maurix         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Dai Frank, non fare del leghismo musicale ! [Big Grin]
Messaggi: 23146 | Data Registrazione: Mar 2003  |  IP: Logged
frankvenice
Member
Member # 13824

 - posted 29. Giugno 2016 22:35      Profile for frankvenice   Email frankvenice         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Un dato di fatto? Per chi? Leghismo? No. Forse scarsa memoria e snobismo prolungato. Altro che dividere la musica per nazioni. È logico che inglesi e americani siano più conosciuti per via della lingua e della propaganda ma la musica italiana da o sole mio in poi non conosce appunto confini, se non quelli di italiani che la disconoscono e la declassano o peggio disprezzano.

Ecco adesso potete anche dirmi leghista musicale.

Poi di musica straniera ne apprezzo anch'io, ma dipende cosa mi ispira.

Messaggi: 3901 | Data Registrazione: Lug 2010  |  IP: Logged
maurix
Moderator
Member # 2135

 - posted 30. Giugno 2016 05:40      Profile for maurix   Email maurix         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Ma scusa, ci sono artisti italiani che fanno tour in giro per il mondo o sono comunque molto apprezzati in altri paesi e non credo tu abbia obiezioni in merito.

Se degli italiani, proprio perché buongustai, amano conoscere anche musiche di altre culture o paesi allora è snobismo, esterofilia o denigrazione della propria cultura ?

Solo perché uno nasceva in Italia non significa che gli dovesse piacere a tutti costi Giuseppe Verdi, Mascagni o Puccini, c'è chi preferiva Brahms, Bizet, Mussorgsky, Bizet, Wagner o altri.

Così come oggi c'è chi a Baglioni preferisce Bruce Springsteen, Neil Young, Jackson Browne, Elton John, Joe Jackson, Elvis Costello, Sting e altri 100 nomi che potrei fare di artisti che sono più o meno contemporanei.

Io non credo tu possa dire che i tuoi gusti sono più "veri e giusti" di quelli altrui.

Messaggi: 23146 | Data Registrazione: Mar 2003  |  IP: Logged
frankvenice
Member
Member # 13824

 - posted 30. Giugno 2016 07:21      Profile for frankvenice   Email frankvenice         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
io credo invece che non sia ammesso che la musica italiana sia considerata comunque inferiore a quella straniera, così tanto per sentirsi superiori.

E' inamissibile e insopportabile quella superbia degli esterofili, cioè di coloro che negano dignità alla musica italiana e la declassano e disprezzano in toto. O comunque la ritengono musica di serie B.

Ma si sa che l'erba del vicino.... (è migliore di quella del giardino del re).

Poi ognuno si tenga i gusti suoi, ma allora si cambi pure i, DNA.

Messaggi: 3901 | Data Registrazione: Lug 2010  |  IP: Logged
frankvenice
Member
Member # 13824

 - posted 30. Giugno 2016 07:27      Profile for frankvenice   Email frankvenice         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Dopodichè per tornare al discorso, e vedo che su questo obiezioni non ce ne sono, possiamo aggiungere che fare musica comporta l'individuazione di alcuni elementi:

melodia
armonia
ritmo
tempo
espressione

tutti allo stesso livello. Se si individuano questi elementi, e non si ha una esperienza di ascolto negativa, ripugnante, allora la composizione potrebbe anche andare.

se le note si accrocchiano a caso ecco che questo equilibrio salta.

i compositori che vogliono esprimere l'io complicato dovrebbero almeno chiedersi se hanno considerato il loro lavoro in questo senso.

[ 28. Ottobre 2022, 23:50: Messaggio modificato da: maurix ]

Messaggi: 3901 | Data Registrazione: Lug 2010  |  IP: Logged
Ipiman
Member
Member # 14995

 - posted 30. Giugno 2016 07:59      Profile for Ipiman   Email Ipiman         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Anch'io penso che esistano delle regole di riferimento per scrivere un brano, è una cosa abbastanza assodata ma, secondo me, non devono essere viste come qualcosa di restrittivo, ma come dei binari, delle guide.

In sostanza sono d'accordo con Christian, chi sa scrivere "buona musica" sa farlo anche usando pochi e semplici accordi (poi ovviamente deve saper fare anche cose più "evolute") ma spesso le cose strane e fuori dalle regole nascondono un'incapacità di scrivere.

ciao :-)

Messaggi: 334 | Data Registrazione: Nov 2011  |  IP: Logged
maninblack
Junior Member
Member # 15660

 - posted 30. Giugno 2016 09:20      Profile for maninblack           Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
ma spesso le cose strane e fuori dalle regole nascondono un'incapacità di scrivere.
non sono d'accordo. Stando a questo uno come Zappa sarebbe un incapace a scrivere? no dai.
mi potresti dire che cè l'eccezione ma di nomi ce ne sono diversi che fanno musica fuori dagli schemi ma sono molto ben preparati.

Messaggi: 100 | Data Registrazione: Gen 2013  |  IP: Logged
Christian Lista
Member
Member # 11305

 - posted 30. Giugno 2016 09:20      Profile for Christian Lista   Email Christian Lista         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Originally posted by frankvenice:
io credo invece che non sia ammesso che la musica italiana sia considerata comunque inferiore a quella straniera....

Facendo un discorso molto generalista e per questo mi scuso in anticipo, direi che noi signori sopra i 40, abbiamo avuto la fortuna di vivere il periodo 70/80 quando i grandi cantautori italiani hanno scritto delle cose meravigliose, molti di questi artisti sono ancora in vita, ma per comprensibili motivi diciamo con non sono più i primi in classifica, per quanto se la passino ancora bene.

Quella era ancora l'epoca della musica suonata, dove per scrivere un brano dovevi esser capace almeno di suonare la chitarra, poi l'elettronica nella sua infinita democrazia ha reso accessibile la musica a tutti (me compreso che sono una capra), abbassando di un TOT il livello generale.

Nonostante questo ancora oggi riesco a sentire bellissime canzoni italiane, come alcune cose di Daniele Silvestri, Samuele Bersani, Fabrizio Moro, Arisa....

Devo ammettere però che le produzione estere sembrano più curate, non parlo di testo e melodia, ma degli arrangiamenti, dove mi sembra di notare più competenza, più qualità, più tecnica.

Messaggi: 2586 | Data Registrazione: Lug 2008  |  IP: Logged
Christian Lista
Member
Member # 11305

 - posted 30. Giugno 2016 10:05      Profile for Christian Lista   Email Christian Lista         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
quote:
Originally posted by maninblack:
non sono d'accordo. Stando a questo uno come Zappa sarebbe un incapace a scrivere?

Qui si sta parlando di noi, non di frank zappa. Si parla della nostra arroganza e/o ignoranza nel non conoscere la musica e nel volerla fare comunque e magari pretendere anche un "rispetto" per questo.
Messaggi: 2586 | Data Registrazione: Lug 2008  |  IP: Logged
voxbob
Member
Member # 1798

 - posted 30. Giugno 2016 14:42      Profile for voxbob   Email voxbob         Edit/Delete Post   Reply With Quote 
Potrei tranquillamente fischiettare ad un trascrittore una mia composizione.
Questo non farebbe di me un compositore ?

Saper scrivere la musica ti farebbe
genio, compositore o ti darebbe la fama ?

Quanti allievi escono ogni anno da conservatori e scuole di musica...quanti diventano famosi o riescono a sopravvivere scrivendo note ?
Certo saperlo fare aiuta, ma non è indispensabile

Messaggi: 2673 | Data Registrazione: Gen 2003  |  IP: Logged


Fuso Orario: CET
This topic is comprised of pages: 1  2  3  4  5  ...  8  9  10 
 
Post New Topic  Post A Reply Chiudi Topic    Sposta Topic    Delete Topic next oldest topic   next newest topic
 - Versione stampabile di questo topic
Hop To:

Contattaci | www.cubase.it | Cubase.it e la Privacy

© 2000 - 2023. Il materiale di questo forum e del sito è di proprietà di chi scrive. Nel caso vogliate citare del contenuto, indicatene sempre la fonte.

Powered by Infopop
UBB.classicTM 6.3.1.2

Se questo sito ti è utile fai una donazione!
Tutti i contributi andranno a coprire i costi per il mantenimento del sito e del forum.

Un grosso grazie a chi vorrà supportarci.