Cubase.it: il sito italiano su Cubase

Scegli la Sezione

Home Cubase.it

Home Cubase.it
1999-2003

News 1999-2003

Articoli 1999-2003

Google
Web cubase.it   
Cos’è Cubase ?
di Claudio Januario

La domanda potrà sembrare strana su un sito che si chiama www.cubase.it ma, dato che ogni giorno questo programma trova dei nuovi adepti, abbiamo pensato fosse il caso spiegare cosa sia effettivamente Cubase. Un punto da cui partire, dunque, che possa venire in aiuto a quanti non hanno mai visto o usato questo software di sequencing MIDI e Audio.

IL MIDI
Questa sigla vuol dire "Interfaccia Digitale per Strumenti Musicali" (Musical Instruments Digital Interface), e non è nient’altro che un accordo fra i maggiori distributori di strumenti musicali elettronici per permettere la comunicazione di informazioni tra apparecchi diversi e/o di marche diverse. Vuol dire che attraverso il MIDI non passa nessun segnale audio, ma è possibile impartire dei comandi ad uno strumento per suonarne un altro o per impostarne dei parametri. L’esempio classico è quello del tastierista di professione che acquista una "Master Keyboard", in altre parole una tastiera completamente muta in grado di ricevere e mandare segnali MIDI. Quali sono i vantaggi? Il primo è quello di poter suonare un unico strumento i cui tasti sono pesati e simili (ma non identici) al pianoforte. Il secondo è quello di poter acquistare tanti diversi apparecchi da suonare via MIDI, in modo da poter rimanere sempre aggiornati con le sonorità attualmente in voga. Il terzo motivo è che è possibile sfruttare appieno le caratteristiche di comunicazione del linguaggio MIDI per poter suonare, ad esempio, più suoni diversi pigiando un solo tasto. A questo punto, miscelare un suono di pianoforte con una sezione di archi per ottenere il classico "Piano-Strings", non è poi così difficile. Un altro motivo è che siamo in grado di suonare e registrare tutto quello che vogliamo grazie all'invenzione del "registratore midi", il sequencer. Prima come apparecchio dedicato, poi con l’ausilio del computer, il registratore è diventato realtà.

Cubase e MIDI
All’inizio (1983) il nostro sequencer si chiamava PRO-16 ed era una novità rispetto ad altri prodotti per i computer Commodore ed Apple. Successivamente uscì il Pro-24 che sfruttava un computer potente ed economico, l'Atari 520, che aveva incorporate le porte MIDI. Il vero miglioramento, e quindi la nascita di Cubase 1.0 per Atari, avviene nel 1989. L'interfaccia grafica é facile ed intuitiva: la schermata principale ricorda molto da vicino un vero e proprio registratore con tanto di tasti start, play, stop. Una colonna in verticale sulla sinistra indica i vari strumenti e le varie tracce da impostare, ed al centro è posizionato il nastro virtuale su cui effettuare le registrazioni MIDI: la timeline. Tutti gli oggetti, nella finestra principale (Arrange), possono essere manipolati grazie a dei tools grafici (come le forbici e la matita) che rendono l'uso molto intuitivo.

Le possibilità che si aprono sono talmente ampie che il mondo della musica non sarà mai più lo stesso. Con Cubase ed un economico Atari 1040 in casa, è possibile fare moltissime cose fino allora impensabili, fra cui suonare e registrare tutte le parti di un batterista o di un’orchestra di più elementi, memorizzarle e poi riaprirle da un amico, in uno studio migliore o in chissà quale altro luogo dove ci sia in ogni caso un computer Atari con Cubase. E' l’inizio di una era in cui anche il musicista amatoriale può produrre musica in modo professionale; e dal 1992 Cubase sarà contemporaneamente su Atari, Macintosh e Windows.

Cubase e MIDI/AUDIO
Le caratteristiche di Cubase erano molto valide, ma limitate all'uso di suoni elettronici esterni pilotati via MIDI. Volendo aggiungere una voce o una chitarra, bisognava sincronizzare il computer con un registratore a nastro classico oppure usare un campionatore. Nasce così l'idea di Cubase Audio. Dalle prime versioni per Mac e Atari Falcon a quelle per Windows, è chiaro che la possibilità di manipolare audio e midi insieme rende la vita del musicista informatico molto interessante. Un loop di batteria tratto da una libreria su CD, per esempio, potrebbe essere accompagnato da un giro di basso registrato da noi, mentre piano, fiati ed archi sono MIDI. Se solo si potessero registrare più tracce e perché no, avere degli effetti…

Cubase VST
Nel Maggio del '96 esce Cubase VST per Mac. Virtual Studio Technology vuol dire un software midi /audio digitale completo di mixer ed effetti come in un vero studio di registrazione. Il tutto gestito interamente dalla CPU del Mac o del PC. Ma VST vuol dire anche uno standard aperto alla progettazione di effetti aggiuntivi: i Plug-in. In questo formato sono nati centinaia di prodotti, acquistabili a parte, dedicati alla manipolazione sonora: reverberi, distorsori, compressori, etc. E con l'affinarsi dello standard, sono usciti i primi VST Instruments, dei plug-in speciali che integrano uno strumento MIDI completo al proprio interno. Uno dei più usati oggi, il B4 di Native Instruments, è la riproduzione di un vero Hammond B3 d'epoca. E molti dei sintetizzatori analogici che hanno fatto la storia sono diventati VST Instruments.
Oggi basta avere una CPU potente, una master keyboard ed una piccola interfaccia midi, per poter suonare solamente con il computer. E da Cubase potremo creare direttamente il file che andrà a finire su CD...basta masterizzarlo!

La versione 5.1 presenta queste caratteristiche.

Cubase VST 5.1

  • Illimitata capacità MIDI
  • 64 tracce audio fino a 16 bit 48kHz
  • 8 effetti real time
  • 4 insert
  • 4 EQ per canale
  • alcuni Vst Instruments in dotazione
  • sezione notazionale non professionale

Cubase Score VST 5.1

  • Illimitata capacità MIDI
  • 64 tracce audio fino a 16 bit 48kHz
  • 8 effetti real time
  • 4 insert
  • 4 EQ per canale
  • alcuni Vst Instruments in dotazione
  • sezione notazionale PROFESSIONALE

Cubase VST 32 5.1

  • Illimitata capacità MIDI
  • 128 tracce audio fino a 32 bit 48kHz
  • 8 effetti real time
  • 4 insert
  • 4 EQ per canale
  • alcuni Vst Instruments in dotazione
  • sezione notazionale PROFESSIONALE
  • Dithering Apogee UV-22
  • Reverb 32
  • 128 canali
  • True Tape

Maggiori dettagli sulla versione Cubase 5.1

Leggi l'intervista a Charlie Steinberg!

 

A questi bisogna aggiungere una versione ridotta chiamata Cubasis VST 4.0 che include molte delle funzioni dei fratelli maggiori ad un prezzo più abbordabile

  • Fino a 48 canali audio
  • Universal Sound Module con più di 70 MB di suoni 
  • Supporto completo di MP3 Originale Fraunhofer
  • Mixer MIDI e Audio automatizzabile
  • Editor MIDI completi (Key Edit e List Edit)
  • Editor notazionale con stampa partiture
  • Effetti aggiuntivi in tempo reale
  • Esportazione in RealAudio
  • Steinberg InWire - create musica in collaborazione con altri sul web
  • WaveLab Lite incluso per editing audio e masterizzazione CD Audio
  • CD bonus con più di 600 Mb di campioni e song (con stili e tempi corrispondenti)

 

AGGIORNAMENTI ARTICOLO:

Cubase SX
Nel 2002 Steinberg presenta Cubase SX, la nuova generazione che sostituirà Cubase VST.
Dettagli su Cubase SX

Il 4 Settembre 2003 è invece uscita la versione 2.0 di Cubase SX che offre più di 100 caratteristiche nuove. Info in questa pagina!

Il 3 Settembre 2004 è uscito Cubase SX 3.0

 

 

 

 

Di cosa si parla nei
FORUM di CUBASE.IT?

LEGGI GLI ULTIMI MESSAGGI

Cos'é Cubase?
Non sai cos'é Cubase e sei curioso? Leggi qui!

Cubase.it © 1999-2003. Ideato e realizzato da Claudio Januario. E' vietata ogni forma di riproduzione non autorizzata, anche parziale. Tutti i diritti riservati.
I marchi citati sono ™ © ® dei rispettivi proprietari. Il logo ed il nome "Cubase" sono e ™ Steinberg Media Technologies AG.
Questo sito NON é realizzato dal distributore italiano MIDIWARE, che ringraziamo per l'uso del nome Cubase
.