Usare Cubase, SonoBus e un telefono come riferimento in tempo reale, o quasi.

SonoBus è un programma e un servizio di Sonosaurus che permette agli utenti di interagire musicalmente tra di loro. Se avete per caso provato Jamulus o Jamkazam e simili, troverete SonoBus molto interessante. A parte suonarci live nella versione stand-alone, la cosa più interessante è che SonoBus funziona anche come plugin VST, AU e AAX. Perché non usarlo per uno stream dalla DAW verso il vostro telefono, quello degli altri componenti della band o quello del committente?

SonoBus si presenta come applicazione stand-alone per Mac, Win, Linux e anche per iOS (compreso iPadOS) e Android. È gratuita, opensource e il codice è disponibile su GitHUB. Oltre a funzionare in modo indipendente, come accennato, è anche un plugin nei formati VST, AU e AAX per Mac, Windows e Linux, a parte le note eccezioni di piattaforma.

02 – SonoBus Finestra di Connessione

L’uso “normale” del programma è quello di creare un gruppo di musicisti, privato o pubblico, e di invitare altre persone a interagire musicalmente nella jam session. Per suonare occorrono una scheda audio, gli strumenti e preferibilmente una cuffia per evitare ritorni fastidiosi.

Per far ascoltare da remoto una sessione della DAW invece non occorre nulla se non una periferica in grado di caricare SonBus collegata a un sistema audio. Si inserisce il plugin nello stereo out, si crea il gruppo, si copia il link e si incolla in una mail o una chat. Et voilà, l’audio verso il mondo è servito. Chi riceve il link deve invece cliccarlo e avere un telefono, un tablet o un computer funzionante.

Vogliamo precisare che qui tralasciamo completamente la impostazioni per un uso in tempo reale e per suonare. Cubase inoltre offre già VST Connect per ricreare una sessione come fosse in studio, con controllo audio e video del musicista che usa VST Performer. SonoBus offre solo audio ed è stato creato per far interagire più utenti, per creare jam session. La versione plugin apre diverse possibilità tutte da sperimentare e con buoni risultati, con e senza DAW. Le impostazioni d’uso segnalate qui sono invece mirate all’ascolto da remoto anche con tempi di latenza alti, l’importante è evitare distorsioni e perdita di suono.

 

Trasmissione

Chi usa Cubase o altra DAW per inviare lo stream audio deve scaricare SonoBus da https://sonobus.net e installarlo. Bisogna poi aprire la DAW e inserire Sonobus sul bus master o su un bus ausiliario. Il destinatario dello stream dovrà fare lo stesso ma può anche ricevere un invito diretto come vedremo più avanti

02 – SonoBus Connetti al Gruppo

Le impostazioni di SonoBus sono abbastanza chiare e in italiano. Dopo aver impostato una qualità audio elevata, che dipenderà anche da chi riceve, e lasciato la latenza sui valori di default visto che non riceviamo, non ci resta che premere Connetti, creare un nome a caso in un gruppo Privato con o senza password e poi premere Connetti al Gruppo.

03 – SonoBus Connesso

Nella finestra di connessione, cliccando il nome del gruppo “WinterAsea”, c’è la possibilità di copiare un link di invito, che somiglia a questo:

Condividi questo collegamento con altri per connetterti con SonoBus:
http://go.sonobus.net/sblaunch?s=aoo.sonobus.net&g=WinterAsea
07 – SonoBus Invito

 

Ricezione

Chi vuole collegarsi al gruppo per ricevere lo stream deve solo cliccare il link per aprire Sonobus. Se non è installato si può fare al momento. Se si conosce il nome del gruppo e la password si può entrare direttamente.
SonoBus parte con il mute attivo, per evitare feedback, un funziona utile per chi suona o canta e anche nel nostro caso è meglio lasciarlo così. Il programma non offre possibilità ad un “admin” di gestire gli altri e bisogna essere d’accordo nel gruppo su chi invia e chi riceve per non creare confusione.

Una volta fatto questo basta attendere che chi trasmette prema il tasto Play.

04 – SonoBus Impostazioni

Conclusioni

SonoBus è gratis e open source ma bisogna anche ricordare, come ampiamente spiegato sul sito, che la trasmissione dei dati non è crittografata, è per to peer e quando vi collegate il vostro IP è in bella vista nella sezione dove si imposta la latenza.
Per un uso ottimale sarebbe preferibile che chi trasmette sia collegato con il cavo al modem/router piuttosto che in wifi. Chi riceve ha la possibilità di regolare la latenza anche con valori alti, nel caso in automatico non vada bene e se avete un buon 4G spesso per il mobile è meglio che il wifi di casa. Infine, si può impostare la qualità audio ai valori adatti alla situazione che vanno da 64 kbps a PCM 32 bit float per canale (mescolando nelle denominazioni consumo banda per i valori bassi e qualità audio per il resto). Il valore che vedete nell’immagine più piccola è impostato a 24 bit pari a circa 2500 kbps per canale. Nella parte destra c’è un riscontro approssimato in tempo reale del sistema, dove il tutto sembra corrispondere con ampio margine: 2500kbps diviso 8 (bit per un Byte) = 312KB/s per canale.

 

05 – SonoBus velocità

Dopo aver fatto una serie di prove possiamo dire che, avendo impostato il tutto verso un telefono con solo la connessione mobile attiva, siamo usciti di casa qualche ora, spegnendo e riaccendendo ogni tanto l’app sul telefono per salvaguardare la batteria e verificare la connessione, viva e vegeta fino al ritorno. Sul tablet impostato in rete locale la latenza è scesa fino a 12/20 ms mentre la media del mobile è stata sui 32/60ms, con una connessione/qualità a 24 bit in ingresso e per canale. Come detto in precedenza e visto l’uso consigliato in queste righe, alla presenza del primo difetto di riproduzione è possibile regolare il valore di buffer.

Per gli usi musicali in tempo reale, con o senza DAW, vi rimandiamo all’ampia documentazione presente sul sito di SonoBus. Le possibilità di utilizzo sono diverse e questo articolo vuole essere solo una proposta per un modo alternativo di rispondere a domande come “per far sentire il mix in macchina?”, “e se il mio cliente vive a Londra?”, “e se volessi farmi un’ora di palestra ascoltando tutto il disco appena missato?”, “insegnare con qualità audio accettabile tecnologia e/o strumento?”. Il tutto soprattutto è, per ora, gratis.

Spero sia stata una lettura utile, per commenti ed eventuali insulti xD, inviate mail mettendo info prima della chiocciola.

 

Buoni Stream a tutti!
(cj)

 

Alternative come plugin
https://audiomovers.com/

Alternative per jam session
https://jamulus.io
https://jamkazam.com

Compatibilità:
Mac, Win e Linux, iOS/iPad OS, Android (in beta)
VST, AU, AAX su Mac, Win e Linux (dove appropriati)

Per altre informazioni
https://sonobus.net

Link dimostrativo disponibile qualche giorno dove ascoltare una demo di Steinberg che gira con Cubase e inviata in stream tramite SonoBus, se non lo avete installato permette il download diretto:
http://go.sonobus.net/sblaunch?s=aoo.sonobus.net&g=WinterAsea

 

Demo Steinberg: Cubase 12 – Demo Project by Mendel Bij De Leij_MIXED reperibile qui: https://o.steinberg.net/en/support/downloads/cubase_12/cubase_pro_12.html

 

Galleria Immagini:

 

 

 

 

 

 

PS.: cj è Claudio Januario è l’ideatore e realizzatore di questo sito dal 2000 (sic) ed è docente certificato Steinberg.